Thanks to TerzaNota

19 Commenti

  1. fiero di rimanere Peter Pan pure quando avrò 70 anni, e mi dispiace per le persone tristi che si dimenticano del bimbo dentro, che vi rimane? le bollette da pagare e i discorsi sulle mezze stagioni?

  2. Ma almeno fosse una sindrome di Peter Pan in positivo (Comprare giocattoli, guardare i cartoon, andare alle fiere cosplay in cosplay…), purtroppo per alcuni, è del tutto in negativo (Mancanza di valori, mancanza di responsabilità, incapacità ad impegnarsi affettivamente….ecc…ecc…ecc….ecc…..)

  3. Ma dicono che frequentano dei corsi specifici e costosissimi. Io quando li incontro non perdo occasione di dir loro: “Lo so che siete attratti da donne affettuose, pazienti, servizievoli, accondiscendenti, silenziose, remissive, dolci, tenere che vi preparano il pranzo che piace a voi, vi lavano le mutande, vi stirano i pantaloni con la piega ortopedica, vi accudiscono, vi, ascoltano, vi comprendono e vi coccolano quando fate tutti quei capricci del cazzo e litigate col vostro cervello e che soprattutto NON si lamentano MAI! Ma, dovete rassegnarvi….
    ….le vostre MAMME sono già sposate!

  4. il problema è culturale al nord europa a 18 anni sono gia indipendenti in tutto qui in italia i bamboccioni sono ancora dentro casa …nn è sempre colpa della crisi …. è che noi genitori vogliamo sempre averli a fianco e trattarli come se fossero bambini

  5. donne e uomini indistintamente non vogliono arrendersi al passare degli anni e fanno cose che nemmeno un 15enne farebbe!!!ma è cosi brutto crescere e prendersi delle responsabilità magari anche rinunciando a quella libertà e indipendenza che una famiglia e l’AMORE ti “tolgono”….x me è questa la vera sindrome di peter pan!!!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here